MORF

Last-WEB CARD- morf mailMORF

Spazialità polifoniche

Temporary Storing – Fondazione Bartoli-Felter

Cagliari, via 29 novembre n.7

Prorogato fino all’11 maggio 2013,

ORARI: lun-giov h. 9:00-13:00 15:00-19:00

VENERDI e SABATO 20:00-23:00

Un viaggio attraverso paesaggi immaginari tra video, suoni e forme nelle opere di sei artisti

L’immaginazione, facoltà pressocchè inutile in una società dove ogni cosa è ritratta, raccontata, replicata all’infinito, sarà al centro dell’esplorazione di MORF-spazialità polifoniche, progetto di arti visive e sonore che sarà in scena per due sere consecutive, venerdì 3 e sabato 4 maggio, nello spazio cagliaritano Temporary Storing.

La galleria, messa a disposizione dalla Fondazione per l’arte Bartoli-Felter, accoglierà le visioni di sei artisti in arrivo da tutto il mondo, con l’obiettivo di offrire un viaggio multidimensionale attraverso paesaggi onirici o reali e di reinterpretare in chiave contemporanea i linguaggi del territorio. Video, installazioni, fotografie, arte digitale gli strumenti utilizzati dagli artisti Mei Ziqian, Muir Vidler, Alessandro Olla, Santiago Garrido Rua, Ben Foot e Valentina Floris di SDNA per raccontare il mondo contemporaneo.

Gli artisti

Mei Ziqian, artista poliedrico cagliaritano, utilizza le metafore architettoniche per descrivere la frattura insita nel rapporto tra l’uomo e la natura e per capire il modo in cui la realtà ci appare e ci influenza. Il suo è uno sguardo nuovo su società e storia, raccontato attraverso l’immaginazione visiva e narrativa. Il cemento, elemento costitutivo delle realtà urbane e, dunque, strumento della selvaggia trasformazione di natura e paesaggi, diventa per Mei Ziqian il materiale più adatto a rappresentare la spaccatura tra uomo e natura e lo sfruttamento dell’uomo sull’uomo. Per MORF l’artista presenta alcune installazioni che fanno parte di un progetto più ampio chiamato «Mental Worksite»: un cantiere mentale rappresentato da una serie di edifici in costruzione.

Muir Vidler, fotografo e fotoreporter scozzese, vive e lavora a Londra. Il suo lavoro evidenzia le contraddizioni umoristiche nella percezione occidentale dell’identità culturale. Le sue foto sono sono state pubblicate su New York Times, Time Magazine,Vogue, Vanity Fair, e su altre numerose riviste nazionali e internazionali. Ha esposto, tra gli altri, presso Royal Academy of Arts, London, UK; “Play, Record, Watch, Stop”, Colette, Parigi; “Transfotografia Photo Festival”, Cracovia; “Volta NY”, New York; “Scope Miami”, Miami; “Verge Art Fair” Miami.

Alessandro Olla, compositore cagliaritano, promotore e fautore della sperimentazione elettronica e dell’improvvisazione in campo musicale, teatrale e nella video arte, è coinvolto in diverse iniziative di respiro internazionale. All’interno di MORF presenta il progetto “I am because you are” di field recording e video, realizzato di recente durante le residenze artistiche in Cina, Etiopia e Islanda. Il lavoro di Olla, diviso in tre step, trascende il concetto di musica per divenire documento nel senso più ampio del termine, abbracciando aspetti legati alla componente musicale ma anche a quella documentaria, ambientale e antropologica.

Santiago Garrido Rua, videoartista argentino, da anni porta avanti una ricerca sulla nozione plastica dell’immagine in movimento. Ha lavorato con la creazione di prodotti audiovisivi per cinema, televisione, musei e internet con la docenza in narrazione digitale. Durante gli ultimi dieci anni ha collaborato con Bigas Luna, Jean Nouvelle, Saatchy&Saatchy, Rai5, Istituto Valenziano di Arte Moderna, Istituto Europeo di Design, Elisava, Nokia, Gas Jeans.

Ben Foot e Valentina Floris: SDNA è un duo di videoartisti con sede a Londra, specializzato nella produzione di video digitali e nella ricerca di meccanismi di interazione con gli spazi pubblici attraverso tecnologie d’avanguardia. Il loro lavoro comprende installazioni, performance audio visive e videoproiezioni che interagiscono con elementi urbani ed architettonici. Negli ultimi sette anni hanno sviluppato collaborazioni a livello internazionale con musicisti, compagnie teatrali, enti governativi, gallerie d’arte, stilisti e musei. A Londra hanno presentato i loro lavori in gallerie quali la Whitechapel Gallery, l’ICA (Istituto d’Arte Contemporanea), la Roundhouse e il presigioso Victoria & Albert Museum. Hanno collaborato con una straordinaria gamma di artisti, tra cui Christian Marclay, Steven Issleris, Bill Fontana, Mira Calix e Ron Arad. Per MORF presentano “Macchie d’inchiostro”, un’interazione tra danzatrice ed elementi multimediali.

Ingresso libero;

orari: lun-giov h. 9:00-13:00 15:00-19:00 (VENERDI – SABATO 20:00-23:00)

Il progetto MORF è realizzato da

Indastriart – Centro di promozione dell’arte, formazione e ricerca in collaborazione con  TiConZero

Ufficio stampa

8ARTS Cultura e Comunicazione di Francesca Mulas

francescamulas@gmail.com; +393405637226

 Per informazioni

info@indastriart.com

 

Pubblicato in Arte | Lascia un commento

Stato e società nella Cina contemporanea. Dalla rivoluzione all’ “armonia sociale” di Francesca Congiu

9788843066544

 

Nel 2012 si conclude il ciclo delle quattro generazioni che hanno contrassegnato la storia politica e sociale della Repubblica popolare cinese; un ciclo lungo poco più di 60 anni inaugurato dalla politica rivoluzionaria maoista e che si chiude con un mandato che mira invece alla realizzazione di una società “armonica”. La nuova generazione sarà la prima a essere completamente indipendente dai voleri e dai condizionamenti dei cosiddetti grande e piccolo timoniere, ma sarà anche il banco di prova dell’efficacia del processo di istituzionalizzazione del potere politico avviato da Deng Xiaoping. Il volume indaga sugli elementi chiave che hanno trasformato radicalmente, e in modo relativamente veloce, gli obiettivi del Partito comunista cinese: dal perseguimento del conflitto rivoluzionario alla ricerca dell’armonia sociale. A tal fine, viene presentata un’analisi del mutamento di equilibrio tra le forze dello Stato centrale e della società che permette di individuare, nel passaggio dal maoismo al post-maoismo, una ridefinizione dei contorni della conflittualità politica e sociale e delle sue contraddizioni. Se, da una parte, l’era maoista è stata contrassegnata da un sistema politico autoritario ma estremamente conflittuale, dall’altra, in quella post-maoista, relativamente più liberale e liberista, sopravvive una conflittualità che, pur se elevata, rimane comunque limitata al contesto sociale avendo confinato l’elemento politico ai margini della neutralità.

Pubblicato in Ricerca | Lascia un commento

L’Asia orientale e sudorientale nella globalizzazione a cura di Gianluca Scroccu

Multipolarità ed interdipendenza sono diventati i caratteri essenziali del nuovo ordine geopolitico con cui siamo chiamati a confrontarci in questo inizio di millennio. In questo contesto occorre prendere atto che le categorie di Centro e Periferia non sono cristallizzate, ma piuttosto hanno assunto nuove forme in grado di ridisegnare il rapporto tra Occidente e Oriente. Muovono da questi presupposti i saggi contenuti in questo volume che riprendono le tematiche del ciclo seminariale dal titolo L’Asia orientale e sudorientale nella globalizzazione: un’introduzione, organizzato nell’autunno 2010 dalla “Solidarietà e diritti – Fondazione Luca Raggio”. Partendo dal principio che è necessario superare l’indifferenza e la chiusura verso questo nuovo scenario, in grado di aprire nuove possibilità in un quadro mondiale segnato da una crisi economica e di sistema, i contributi di questo libro intendono offrire, grazie ad un’analisi storiografica capace di aprirsi alla multidisciplinarità, una panoramica delle principali problematiche che sono all’origine del nuovo ruolo dell’Asia orientale e sudorientale nel contesto della globalizzazione e dei cambiamenti della geopolitica tra il XX e gli inizi del XXI secolo.

copertina fondazione Raggio 3 (1)

Pubblicato in Ricerca | Lascia un commento

Nomadic 1- 30 ottobre 2012

NOMADIC

1 –  12 ottobre 2012

Gli uomini abitano il mondo attraverso la sua rappresentazione.

La mostra in questione sarà un vero e proprio concerto, ideata per l’Ottava Giornata del Contemporaneo promossa da Amaci (Associazione Musei Arte Contemporanea Italiani),  coinvolgerà artisti  volti  a vivere e a catturare gli sguardi sul loro pensiero nomadista, su coesistenze, molteplicità  e slittamenti; tutto attuato con tecniche diverse,  che nello spirito di queste trovano così il motivo di un’unità.  Ci riferiamo  all’uomo e alla sua capacità di trasformare i frammenti, i singoli oggetti che popolano il mondo in simboli, in immagini, in veri segni.  All’uomo e alla sua nuova identità di nomade costruita  nel divenire, in uno spazio fluido segnato da tratti che si cancellano e si  spostano.  All’uomo e alla sua memoria, dalla quale attinge in un gioco di specchi e di rimandi fra lo sguardo dell’artista e il nostro, portando  avanti un lavoro complesso e affascinante che si proietta nel futuro.

Il concetto di nomadismo, nell’era della rivoluzione digitale, sta mutando i percorsi professionali e di consumo, allargando le frontiere multiculturali e conferendo anche all’artista una maggiore flessibilità. Sono i nuovi nomadi, coloro che, per stile di vita, amano attraversare frontiere fisiche e psichiche. Si fanno contaminare da saperi e linguaggi diversi, rifiutano di radicarsi in un’identità fissa, costrittiva ed infelice.

Artisti: Alix Arduinna, Carolina Barbolla,  Veronica Bonini, Beatrice Crotti, Gian Franco Eddone, Carolina Ferrara,  Fiorella Fiore, Daniela Foschi, Elisa Latini, Maria Elena Luciani, Marilù Manzini, Giulio Cesare Matusali, Francesco Niccoli, Carrie A Pinter, Giovanna Raffaelli Caprilli, Daniela Rebecchi, Shiribia, Desy Vanni,  Mei Ziqian

a cura di Cristina Madini

Galleria RossoCinabro

Pubblicato in Arte | Lascia un commento

Mei Ziqian artist in residence RossoCinabro Gallery Rome

“ABSTRACT COMPILATION”

Galleria RossoCinabro

Una  selezione di artisti di talento, scelti per una sala di pittura astratta contemporanea, che concettualizza  l’ineffabile. Esplosioni di colori, linee, forme e sfumature per celebrare la vita, seducendo gli occhi.L’espressione dell’astratto  diffusa anche con altre forme di rappresentazione della irrealtà a volte più ordinata a volte totalmente fantastica avvolta di un immaginario sfrenato,  è comunque ancora fortemente presente ed ispira nuove tendenze e movimenti. L’astrazione mostra ancora una volta una individualità e una larghezza di stile che parla direttamente al  cuore rinfrescando la vostra anima e il vostro spirito.

Artisti: Graziella Capraro, Giulio Cesare Matusali, Barbara Pecorari, Mariangela Sforza, Paule Rosen, Alberto Rossetti, Mei Ziqian

Opening: 6th  June  2012 6:00 p.m.

Pubblicato in Arte | Lascia un commento

Premio Combat Prize 2012

Mei Ziqian  tra gli artisti finalisti della terza edizione del PREMIO COMBAT PRIZE (sezione Pittura) http://www.premiocombat.it/finalisti

90X165 tecnica mista – 2012

Pubblicato in Arte | Lascia un commento

Progetto waterbulb – Ethiopia

Il progetto waterbulb utilizza una tecnologia semplice ed ecosostenibile che permette di illuminare durante il giorno per mezzo di una bottiglia di plastica riempita di acqua ambienti abitativi bui.

Pubblicato in Ricerca | Contrassegnato , , , | Lascia un commento